Il Carro di Dioniso | dal 14 al 17 ottobre 2021

Commedia comica, libero adattamento dall’omonimo lavoro di Ettore Romagnoli

Con Vito Cesaro e Danny Mendez

In scena anche Massimo Pagano, Claudio Lardo, Christian Salicone e Filippo D’Amato.

Regia Vito Cesaro

Cèrilo, ricco signore siciliano, è innamorato di Asteria, figlia di Anticlo, Principe di Gela. Asteria (Denny Mendez) è la più bella donna Siciliana, bella e altera al tempo stesso, tant’è che la sua alterigia la porterà a giurare: “solo di un Nume io sarò, oppure diventerò sacerdotessa”. Il giuramento viene sentito di nascosto da Cérilo, il quale non vuole rinunciare ad Asteria e si rivolge a Fliace (Vito Cesaro), direttore di una compagnia di comici girovaghi. Insieme ordiscono un piano sulla base di una antica credenza popolare, la quale narra che un giorno, Dioniso, con al seguito satiri e mènadi, verrà sulla terra con il suo carro a rapire la figlia del Principe di Gela. Infatti, il piano ordito è quello che, durante la festa del genetliaco del Principe Anticlo, Cèrilo, aiutato dagli attori Fliaci (dal Greco ϕλύαξ filìax, ossia chiacchieroni), con il favore di tuoni e lampi finti, apparirà nelle vesti del Dio Dioniso per rapirla…I due, dopo un trambusto generale, rimarranno soli, si parleranno e si chiariranno. Cèrilo scoprirà che Asteria vuole rimanere sulla Terra, perché il suo Olimpo è la Sicilia. Solo a questo punto getterà la mascherà … e tutto finirà nel modo da entrambi desiderato. Questo dramma satiresco è riconducibile nella sfera del culto del dio Dioniso, dio dell’estasi, del vino, dell’ebbrezza e della liberazione dei sensi; la commedia antica si caratterizzava per la struttura abbastanza semplice in cui il coro era costituito da elementi travestiti da satiri caprini che si muovevano sulla scena alternando momenti di recitazione teatrale a momenti di vivace danza chiamata sìkinnis. In una felice simbiosi, il dramma satiresco presentava la struttura della tragedia e il colorito farsesco della commedia. Le storie erano di tipo comico, a volte addirittura parodie di episodi mitologici, che presentavano i satiri nelle situazioni più disparate. Nel dramma satiresco, troviamo dunque aspetti burleschi e grotteschi. Il testo originario, come altri testi teatrali del primo 900 era trascritto in rime. Il lavoro di adattamento dell’opera, nel rispetto del testo originario, lo ha reso più scorrevole, veloce, con battute comiche a chiusura che ne spostano l’asse da dramma in rime a commedia brillante – comica. Sebbene la produzione di drammi satireschi durante l’età classica era molto cospicua, ai giorni nostri è giunto un solo testo integro, il Ciclope di Euripide. A questo si aggiungono alcuni frammenti dei Pescatori di Eschilo e dei Segugi di Sofocle. Il Carro di Dioniso è stato rappresentato per la prima volta a Siracusa nel 1914, scritto da Ettore Romagnoli, grecista e letterato italiano, docente universitario a Catania, Roma e Milano. Romagnoli divenne celebre come saggista e critico letterario, traducendo con grande perizia critica varie opere greche, tra cui le tragedie di Euripide, Eschilo e Sofocle, le commedie di Aristofane, l’Iliade e l’Odissea di Omero, ed è a lui che va il nostro ringraziamento per questa perla della cultura classica. I personaggi della commedia sono particolari, divertenti, caratterizzati e per certi versi surreali. Si muoveranno in una scena appariscente, sfavillante e colorata. 

Vito Cesaro 

Acquista i Biglietti sul sito

scegli sul calendario la data dello spettacolo,  poi scegli il posto libero (color verde) cliccando sulla piantina del teatro e segui le istruzioni. 

 Per qualsiasi informazione chiama il botteghino allo 06 94 37 60 57

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

ORARIO BIGLIETTERIA

Da lunedì a sabato: mattina, ore 10.00 – 13.00; pomeriggio, ore 15.00 – 20.00.
Domenica: ore 15.00 – 18.00.

ORARIO SPETTACOLI

SERALI ADULTI

Da giovedì al sabato: ore 21.00

Domenica: ore 18.00.

 TEATRO RAGAZZI

sabato: ore 16.30

Domenica: ore 11.00

 

.

CONTATTI